logo-web-bordo-bianco2

Giuseppe Manzo

  • test :

giuseppe manzo

Giuseppe Manzo

dopo la laurea, conseguita nel 2002 presso la Facoltà di Architettura della “Federico II”, Giuseppe è entrato a far parte dello Studio come collaboratore di Raffaele Maria Ricciardi, divenendo poi suo socio nel 2008. Le sue specifiche responsabilità riguardano la coordinazione della progettazione, dal punto di vista tecnico e costruttivo.

GUSTI E PASSIONI: Non mangia pesce e adora la pizza. Appassionato di sports e ottimo playmaker a basket, nel tempo libero segue il calcio e l’atletica leggera, legge romanzi thriller e si diverte a giocare con i figli. È amante della musica disco anni 80-90, in particolare dei Dire Straits, Spandau Ballet e Duran Duran, ma apprezza molto anche la musica italiana. Caratteristica principale: la pazienza. Citazione preferita: “Ciò che si tace saggiamente è più artistico di ciò che si esprime loquacemente” (Peter Altenberg).

INFORMAZIONI EXTRA:

Dal 2002 al 2007, parallelamente alla collaborazione professionale con Raffaele Maria Ricciardi, ha collaborato con l’impresa Tirrenia System di Scafati (SA), come architetto responsabile della gestione qualità

Dal 2002 al 2003 ha svolto attività professionale autonoma, collaborando con diversi studi tecnici siti nella provincia di Napoli, per progetti di abitazioni a destinazione rurale e ristrutturazione di edifici civili

Dal 1996 al 2000 ha svolto attività di tirocinio nell’ambito della progettazione e ristrutturazione architettonica presso lo Studio Associati ArchiMedia di Torre Annunziata (NA).

Workshops, seminari, concorsi

22 Novembre 2007
Architettura, colore e trasformazione dell’immagine urbana, emergenze architettoniche e innovazione tecnologica. Dalla lettura dell’architettura alla gestione e controllo degli interventi di recupero. Realizzato col contributo di Fassa Bortolo, Crowne Plaza Stabie Sorrento Coast Castellammare di Stabia (Na).

26 Ottobre 2004
Meeting sull’illuminazione (fibre ottiche e led), organizzato dalla Status s.r.l presso l’azienda “Il luce”, a Castellammare di Stabia (Na).

20 Febbraio 2004
Zaha Hadid “recent works”, organizzato dalla Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”; la Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici della Campania; l’Ordine degli Architetti P.P.C. di Napoli e Provincia. Tenuto presso il Teatro di corte del Palazzo Reale di Napoli.

17 Settembre 2003
“I materiali compositi in fibra di carbonio”. Soluzioni all’avanguardia per il rinforzo strutturale e l’adeguamento sismico di strutture in c.a. e in muratura. Organizzato dalla MAPEI presso la mostra d’Oltremare di Napoli.

15 Gennaio – 24 marzo 2003
Laboratorio di Urbanistica e Pianificazione Territoriale, Centro Interdipartimentale di Ricerca L.U.P.T. Università degli Studi di Napoli Federico II, Corso di Formazione in sicurezza e tutela della salute dei lavoratori, 90 ore.

15 Gennaio – 24 marzo 2003
Laboratorio di Urbanistica e Pianificazione Territoriale, Centro Interdipartimentale di Ricerca L.U.P.T. Università degli Studi di Napoli Federico II, Corso di Formazione per la sicurezza nel settore edile, 120 ore.

2003
Partecipazione al Concorso internazionale di design “frontiere materiali 2003” III edizione. Lavoro presentato: “Sovvertire i significati”; relativo a mobili, sistemi d’arredo per interni modulari o componibili, sistemi di partizioni interne.

Concorso promosso dall’Associazione gruppo giovani architetti della provincia di Salerno, in collaborazione con l’azienda MEXALL Progress S.r.l. e con il patrocinio di: ADI – Associazione per il Disegno Industriale – Delegazione Territoriale ADI Centro; Facoltà di Architettura della Seconda Università degli Studi di Napoli; Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Salerno; Provincia di Salerno e Comune di Salerno.

Pubblicazioni:

Pubblicazione come progetto partecipante: Waves, in Concorso internazionale di idee per la riconfigurazione spaziale della Cattedrale del Castello Aragonese di Ischia, Istituto per l’Architettura Mediterranea, Paparo Edizioni, Aprile 2010, p. 52.